• Buone notizie ?..

    Fake news/ Good news: il confine troppo sottile che c'è tra una notizia buona e una cattiva..
  • CARTA DEI VALORI
    DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN SANITA’
prev next

Nel convegno del 10 dicembre 2019, “Da Gigi Ghirotti alla Carta dei Valori Torino 2019”, realizzato dalla Rete Oncologica in collaborazione con la ASL Città di Torino, gli studenti delle Scuole Medie Superiori degli Istituti Alfieri, Berti, Boselli e Gobetti di Torino, hanno restituito il messaggio di Gigi Ghirotti sul Valore della Cura attraverso propri elaborati.

Durante il 2020, l’Istituto Boselli, indirizzo socio-sanitario, proprio per la vocazione espressa nella sua mission, ha continuato, grazie alla dedizione della Dirigente Scolastica Adriana Ciaravella e della prof.ssa Natalia Ferrazza, la pandemia sullo sfondo, a produrre “valore” stimolando i ragazzi a riflettere e a comprendere. Il percorso si è concluso il 10 dicembre 2020 con la cerimonia in videoconferenza sul centenario della nascita di Gigi Ghirotti, alla quale hanno partecipato gli studenti dell’Istituto Boselli, indirizzo Socio-Sanitario. Al termine la prof.ssa di lettere Laura Marino, docente della classe 5°, ha consegnato ai suoi ragazzi un tema da svolgere dal titolo “Il Valore della Cura”.

Pubblichiamo alcuni stralci degli elaborati degli studenti che ci permetteranno di comprende appieno come hanno vissuto il progetto.

Tema: "Il valore della cura" (pdf - 538 KB)

Locadnina Girotti 100 anniL'inaugurazione delle due sale dedicate a Gigi Ghirotti avrà luogo on line il 10 dicembre dalle ore 10 alle 12 in streaming.

Una Azienda Sanitaria, una Scuola, le Istituzioni e i rappresentanti della Società Civile, insieme per inaugurare, In nome di Ghirotti, la Sala Conferenze della ASL Città di Torino sede di via San Secondo 29, e l’Aula Studio dell’Istituto Boselli di Via Montecuccoli Torino.
Nel Centenario della nascita di Gigi Ghirotti, molte sono le iniziative che Torino ha dedicato all’inviato de La Stampa: la scuola, l’università, il teatro, le location dove hanno ripreso vita le sue denunce degli anni ’70, quando egli diventa il paladino dei diritti del malato. Un testamento il suo che torna di prepotente attualità per quel suo voler “punzecchiare” società civile ed Istituzioni al fine di promuovere una nuova sensibilità nella considerazione di chi soffre.

Pubblichiamo l'articolo in memoria di Luciana Lazzarino "Avere cura e prendersi cura" , di Loredana Masseria e Micaela Arcari.

"Avere cura e prendersi cura" (pdf - 432 KB)