LOLA

Contatti: dr.ssa Maria Pia Brizzi 0119026526 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Studio di fase II finalizzato a valutare il profilo di sicurezza e di attività di cabozantinib in combinazione a lanreotide in tumori neuroendocrini (NET) gastroenteropancreatici (GEP) e toracici (LOLA trial).

Setting: I-II linea

Principali criteri di inclusione:

  • Pazienti affetti da GEP-NET, NET toracici e NET a primitività ignota ben differenziati avanzati, non resecabili o metastatici, con Ki67 ≥ 10%
  • Presenza di almeno una lesione target misurabile secondo i criteri RECIST v1.1
  • Positività ad Octreoscan e/o 68Ga – PET e/o positività immunoistochimica per SSTR2
  • Precedente trattamento con PRRT deve essere concluso da almeno 6 mesi prima del trattamento

 

RLT-AIFA 5%

Contatti: dr.ssa Maria Pia Brizzi 0119026526 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Principali criteri di inclusione: trattamento dei pazienti affetti da tumore neuroendocrino non GEP, che non possono ricevere Lutathera secondo scheda tecnica.

PROTOCOLLO TOMAS2

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istotipo: sarcomi dei tessuti molli, qualsiasi istotipo.

Presentazione: studio randomizzato di fase II con trabectedina + olaparib vs. trabectedina in sarcomi dei tessuti molli avanzati o non resecabili, a fallimento di trattamento standard.

I pazienti devono aver ricevuto almeno una linea di trattamento precedente per malattia avanzata per poter essere eleggibili od essere in progressione secondo RECIST v1.1 entro i 6 mesi dal termine del trattamento neoadiuvante o adiuvante.

Il protocollo prevede revisione centralizzata della diagnosi istologica.