• Buone notizie ?..

    Fake news/ Good news: il confine troppo sottile che c'è tra una notizia buona e una cattiva..
  • CARTA DEI VALORI
    DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN SANITA’
prev next

Il 21 marzo 2019 è stata firmata a Palazzo Madama La Carta dei Valori dell’Informazione e della Comunicazione in Sanità (Carta di Torino 2019).

Per la prima volta, i referenti della Comunicazione e Bussola dei Valori delle Aziende Sanitarie e l’Ufficio Stampa della Regione Piemonte e i rappresentanti degli Ordini professionali, Giornalisti, Medici e Odontoiatri, Farmacisti, Infermieri, Psicologi e Assistenti Sociali si sono riuniti per esaminare il rapporto tra gli attori della sanità e la persona, caratterizzato tale rapporto dalla necessità di una puntuale e completa informazione aderente ai principi della deontologia, della correttezza, dell’obiettività, della responsabilità e del rispetto della persona.

Un processo culturale che richiede tempo e che si inserisce in un sistema di valori condivisi, riconosciuti e diffusi di cui, l’informazione e la comunicazione, sono elementi strategici fondamentali.

La Redazione Carta di Torino 2019 nasce dalla volontà di divulgare e applicare operativamente i principi contenuti nella Carta proponendosi di :

  • far conoscere le opportunità offerte dalla Rete Oncologica in ogni azienda sanitaria della regione Piemonte
  • presentare con chiarezza espositiva le scoperte scientifiche e i nuovi trattamenti, declinando i testi scientifici in modo chiaro e semplice, anche attraverso l’ausilio di un glossario
  • presentare i diversi centri di Riferimento Oncologico in modo imparziale, cercando di riferire dati certi sui risultati raggiunti, cercando di fornire precise indicazioni su come accedere ai servizi
  • diversificare i mezzi di comunicazione per far conoscere la Rete, tenendo presente i target di riferimento
  • combattere le Fake news e la disinformazione intercettando le notizie false e diffondendo le Good news
  • sviluppare momenti di formazione degli operatori e con gli operatori della sanità con interventi mirati verso soggetti particolari coinvolgendo le Istituzioni Pubbliche e gli Ordini professionali
  • Rompere lo stigma sul cancro come malattia inguaribile e cambiare anche il linguaggio nella comunicazione/informazione.